Guide

Come regolare la frequenza CPU su Android con No-frills CPU Control

Pubblicità

Regolare la frequenza CPU su Android è facilissimo con  No-frills CPU Control. Questa applicazione ha bisogno per svolgere il suo compito dei permessi di ROOT e risulta utile se hai una CPU che può essere settata a valori intermedi o più elevati (overclock) come nel caso di sostuzione del kernel, o direttamente della Rom modificata.

Pubblicità


Con No-Frills CPU Control oltre a poter regolare la frequenza CPU su Android variando la frequenza minima e massima della CPU, è anche possibile selezionare un diverso Governor e I/O Scheduler. L’utilizzo di No-frills CPU Control è molto semplice, una volta scaricata l’applicazione, basta avviarla e subito si presenterà la schermata con scritto l’attuale frequenza minima e l’attuale frequenza massima, premendo poi su desiderata, si accederà a tutte le frequenze che è possibile selezionare. Abbassando la frequenza minima e sollevando la frequenza massima, in teoria dovrebbe allungarsi la durata della batteria in sandby, mentre dovrebbe risultare un dispositivo più reattivo e fluido nel momento in cui questo viene utilizzato, in pratica invece abbassando o sollevando troppo la frequenza, se il Kernel e la rom non sono adattate alla perfezione, potrebbero esserci problemi di crash. Quando si cambia la frequenza soprattutto in caso di overclock, quindi innalzamento della frequenza massima è meglio testare che non vi siano spegnimenti o freeze improvvisi del device, dovuti a una cattiva gestione della CPU, in questo caso è meglio tenersi a una frequenza leggermente più bassa ma che rende il device stabile. I vantaggi quindi di un cambio di frequenza nei valori maggiori rispetto agli originali è una maggiore fluidità e velocità del proprio smartphone o tablet e si noterà questo cambiamento soprattutto nei tempi di apertura delle cartelle, nello scorrimento e nell’uso di giochi pesanti, come contro però ci sarà un maggiore surriscalamento della CPU, un maggiore consumo della batteria e la possibilità di crash e freeze se la CPU non regge la frequenza selezionata.

3  1 2

Con No-frills CPU Control, oltre a regolare la frequenza CPU su Android, per assicurare una maggiore stabilità del sistema, è possibile anche cambiare il Governor e  I/O Scheduler, i quali se settati correttamente aumentano la durata della batteria migliorando le prestazioni generali del dispositivo, in questo caso si devono fare delle prove per capire con quale ci si ritrova meglio e si trova il migliore compromesso tra potenza, stabilità e durata batteria, altri profili invece priviligeranno le prestazioni a discapito della batteria, o ancora ci sono profili che privilegiano la durata della batteria riducendo la potenza del dispositivo. No-frills CPU Control, può essere attivato all’avvio del device, in modo che le frequenze a ogni accensione del tablet o smartphone, vengano impostate in automatico, è inoltre possibile come opzione, conoscere le frequenze più utilizzate e la loro percentuale d’uso.

scarica

.

Pubblicità