Guide

Come togliere il blocco dei contenuti sensibili su Telegram per Android [GUIDA]

Pubblicità

Oggi con questa nuova guida vedremo come togliere il blocco dei contenuti sensibili su Telegram. Telegram è un’applicazione di messaggistica istantanea simile a WhatsApp, ma con alcune funzionalità aggiuntive come la possibilità di creare canali. Questi sono spazi pubblici in cui i creatori possono condividere contenuti con un grande numero di persone in modo rapido ed efficiente e i membri di ogni canale possono ricevere notifiche push sui loro dispositivi quando vengono pubblicati nuovi messaggi, in modo da rimanere sempre aggiornati sulle ultime novità. Alcuni canali però potrebbero dei contenuti che potrebbero far scattare i fili di Telegram. Telegram utilizza infatti dei filtri che servono per poter bloccare i contenuti sensibili che possono essere caricati sulla piattaforma di messaggistica istantanea e in alcuni casi, questi filtri che bloccano la visualizzazione dei contenuti possono essere applicati anche in base alla posizione geografica in cui sta l’utente. Se vuoi disattivare il blocco che filtra i contenuti di Telegram, continua allora a leggere questa guida per scoprire nel dettaglio come procedere.

Pubblicità

Per poter disattivare i filtri che bloccano i canali dove sono stati caricati dei contenuti che non sono adatti a tutto il pubblico che usa Telegram, possiamo seguire due strade: la prima prevede l’utilizzo del bot Nicegram e che troviamo disponibile per tutti i dispositivi con il sistema operativo Android; la seconda opzione prevede invece l’utilizzo della versione web di Telegram accessibile via browser. Indipendentemente dalla soluzione per te più comoda che andrai a scegliere, alla fine sarai in grado di poter togliere il blocco che interessa la visualizzazione dei canali con i contenuti sensibili presenti su Telegram, potendo riuscire a visualizzare così tutti i contenuti che sono stati caricati sulla piattaforma senza che siano più censurati.

Come togliere il blocco dei contenuti sensibili su Telegram: perché un canale viene bloccato a causa dei filtri

Il blocco dei contenuti sensibili che può interessare un canale Telegram, non è altro che un sistema di filtri che vengono usati dalla piattaforma per impedire che alcuni contenuti vengano facilmente visualizzati dagli utenti che fanno uso del servizio di messaggistica. Si può riscontrare questa limitazione sulla visualizzazione dei contenuti quando si tenta di entrare in un canale ma ne viene impedito l’accesso, non riuscendo quindi a visualizzarlo. Ma che contenuti deve avere un canale per essere filtrato e per bloccare l’accesso agli utenti? Molte volte i canali Telegram hanno veramente tanti utenti ed è difficile riuscire a seguire tutto ciò che viene pubblicato da chi vi partecipa, altre volte invece alcuni canali nascono proprio per pubblicare contenuti non adatti a tutti. Può quindi capitare che vengono pubblicati contenuti sensibili e che da Telegram se ne accorgano, quindi attraverso dei filtri viene bloccato il canale, impedendo agli utenti di potervi accedere a causa della presenza di contenuti non adatti a tutti che violano la l’informativa sulla privacy della piattaforma. L’utente che proverà ad accedere a un canale Telegram bloccato per i contenuti pubblicati, riceverà un messaggio di errore che lo andrà a informare che il canale non può essere visualizzato.

Tra le ragioni per cui Telegram potrebbe applicare il blocco a un canale abbiamo:

  • Condivisione di contenuti adatti a un pubblico di soli adulti
  • Utenti minacciosi e molesti
  • Uso improprio delle informazioni private delle persone
  • Violazione delle leggi sul copyright.

Principalmente queste sono le ragioni più comuni per cui Telegram potrebbe far scattare i suoi filtri e bloccare un canale. Questi filtri però, se sono stati attivati e non ti permettono di accedere a un determinato canale sono aggirabili e di seguito vedremo proprio quali sono i metodi che si possono usare per riuscire a superare questo blocco che può essere stato attivato dalla piattaforma per bloccare l’accesso a un canale Telegram.

Come togliere il blocco dei contenuti sensibili su Telegram: aggira il filtro con il bot Nicegram

Se provi a entrare su un canale Telegram, ma ti viene mostrato un messaggio che ti impedisce l’accesso perché la piattaforma ha rilevato dei contenuti sensibili al suo interno, puoi aggirare questa restrizione utilizzando un particolare bot che si chiama Nicegram. Questi sono i passaggi da seguire per usare il bot e superare così il blocco che ti impedisce di accedere al canale:

  • Apri Telegram per accedervi toccando la sua icona
  • Adesso fai apparire la barra di ricerca premendo prima sulla lente per digitare Nicegram Bot o in alternativa puoi accedere al bot direttamente attraverso questo LINK
  • Una volta che hai avuto accesso alla schermata del bot, premi sul pulsante AVVIA che puoi vedere nella sua colorazione blu sul fondo dello schermo
  • Adesso devi premere su “I’m 18+ Years Old” e la X rossa dovrebbe cambiare in una spunta verde. Stessa cosa fai per “Show sensitive content“. Un messaggio su schermo adesso ti ricorderà di riavviare Nicegram. Premi su OK e chiudi Telegram
  • Apri di nuovo Telegram adesso e seleziona dalla schermata principale la chat di Nicegram Bot e assicurati che di fianco a “I’m 18+ Years Old” e “Show sensitive content“, sia ancora presente il segno di spunta
  • Adesso dovresti essere in grado di riuscire a entrare nei canali in cui ti era vietato l’accesso in quanto erano stati filtrati da Telegram per la presenza di contenuti sensibili

Se ancora non riesci ad accedere ad alcuni canali che sono stati limitati per la presenza di contenuti sensibili, puoi provare allora a disattivare questa limitazione dalla versione per browser dell’app Telegram, dove potrai trovare un’opzione che permette di disattivare i filtri e avere quindi accesso a tutti i contenuti sensibili che sono stati caricati sui canali presenti sulla piattaforma.

Come togliere il blocco dei contenuti sensibili su Telegram: rimuovi i filtri usando la versione web

A differenza dell’app Telegram per smartphone e per dispositivi desktop, dalla versione web della piattaforma di messaggistica istantanea è possibile rimuovere il filtro che impedisce all’utente di poter accedere ai contenuti sensibili direttamente dalla impostazioni, quindi la rimozione di questa restrizione diventerà attiva anche per l’app per smartphone e desktop. Per procedere puoi usare un qualsiasi dispositivo che ha un browser e da cui puoi scansionare il QR Code usando il tuo account Telegram, quindi andrà bene un computer, un altro smartphone, un tablet ecc..

Tutto quello che devi fare per disattivare il blocco che interessa la visualizzazione dei contenuti sensibili via browser è:

  • Dal browser collegati alla pagina web.telegram.org
  • Con lo smartphone, dalla tua app Telegram inquadra il codice QR per collegare tra loro i dispositivi e accedi alla versione web della piattaforma
  • Una volta che sei dentro al tuo account Telegram dal browser, puoi premere sull’icona Menu 
  • Si aprirà ora una piccola finestra con varie voci che puoi selezionare. Vai su Settings (Impostazioni)
  • Seleziona quindi Privacy and Security (Privacy e sicurezza)
  • Scorri adesso verso il basso fino alla sezione Sensitive Content (Contenuti sensibili) e spunta la casella di fianco a Disable filtering (Disattiva il filtraggio)

Adesso potrai accedere a tutti i canali Telegram che hanno attivo il filtro per via della presenza dei contenuti sensibili al loro interno.

Come togliere il blocco dei contenuti sensibili su Telegram: conclusioni

Seguendo le soluzioni viste in questa guida, potrai visualizzare tutti i canali che sono stati filtrati a causa della presenza di contenuti sensibili, ma considera che non saranno più accessibili ugualmente se il creatore del canale ha provveduto con la sua cancellazione. Se quindi hai trovato qualche canale filtrato, adesso sai come bypassare il blocco usando sia un apposito bot Telegram, che con l’opzione apposita che si trova presente nelle impostazioni della versione web della piattaforma. Alla prossima guida.

Pubblicità