Guide

Come sbloccare uno smartphone Android senza PIN [GUIDA]

Per impedire che chiunque abbia libero accesso al contenuto di uno smartphone, gli sviluppatori del sistema operativo Android si sono inventati una schermata di blocco che, almeno inizialmente poteva essere rimossa a seconda del metodo scelto, soltanto se si era a conoscenza o della password o del PIN o della sequenza di accesso. Con una schermata di blocco, si può quindi impedire alle persone non autorizzate di poter usare uno smartphone Android senza il permesso del suo proprietario ,che rimane l’unica persona che sa come poter sbloccare il dispositivo. Considera che ormai dentro lo smartphone si conserva di tutto, dalle foto e video, fino ai messaggi delle chat, profili social e le email, non mancano poi anche le app che permettono di accedere al proprio conto in banca. Insomma, per tutte queste ragioni, tenere uno smartphone al sicuro da sguardi indiscreti e che non sia accessibile da chiunque è ormai diventata una cosa fondamentale.

Link Sponsorizzati

Bisogna però avere una buona memoria per dover ricordare il PIN o la password di sblocco, infatti accade più di quanto non si immagini di dimenticarli, magari per via della fretta o per la confusione e in tal caso, anche il proprietario della smartphone non potrà accedere al contenuto del telefono. Potrebbe anche capitare che una seconda persona ti cambi la password o il PIN, magari per farti uno scherzo tra amici, impedendoti così di poter utilizzare il dispositivo. In ogni caso, devi sapere che ci sono delle soluzioni alternative che permettono di poter sbloccare lo smartphone anche se non si ricorda o si conosce il PIN o la password della schermata di blocco ed è proprio di ciò che parleremo in questa guida, dove vedremo come sbloccare uno smartphone Android senza PIN.

Per poter sbloccare uno smartphone Android senza PIN possiamo usare diversi metodi. Ecco quali sono:

Come sbloccare uno smartphone Android senza PIN: fai uso del servizio “Trova il mio dispositivo” di Google
Questo è un metodo abbastanza semplice da applicare e che funziona con i più vecchi dispositivi Android (Android KitKat 4.4 o versioni inferiori). Google dispone di un servizio per i suoi utenti che si chiama “Trova il mio dispositivo“, utile a chi dovesse perdere o gli venisse rubato il telefono per poterlo ritrovare. Attraverso il proprio account Google, l’utente non solo ha la possibilità di poter monitorare la posizione del suo dispositivo, ma di controllarne anche alcune sue funzionalità da remoto. Attraverso “Trova il mio dispositivo”, l’utente avrà la possibilità di poter riprodurre il tono di chiamata sul telefono ad un volume elevato, che lo aiuterebbe a poterlo localizzare più facilmente. Sempre da “Trova il mio dispositivo”, l’utente potrà anche bloccare il telefono e cancellare i dati in esso salvati. Ovviamente per poter usare questo metodo è necessario che il telefono sia acceso. Ma vediamo come sbloccare uno smartphone Android usando “Trova il mio dispositivo” di Google:
  • Dal browser di un tablet, di un altro smartphone o da un PC, accedi a Trova il mio dispositivo e se hai più device collegati che usano lo stesso account Google, seleziona il nome del telefono che vuoi sbloccare perchè non ricordi il PIN. Se non visualizzi alcun dispositivo, accertati di usare lo stesso account Google che stai usando sul tuo smartphone Android
  • Successivamente premi l’opzione Blocca il dispositivo
  • Ti verrà mostrata una nuova finestra sullo schermo da cui ti sarà possibile impostare una nuova password per bloccare il dispositivo. Avrai anche la possibilità di poter aggiungere un numero di telefono e un messaggio
  • L’ impostazione di una nuova password sovrascriverà la password / PIN / blocco già esistenti. Una volta impostata potrai accedere al tuo smartphone con la nuova password
Come sbloccare uno smartphone Android senza PIN: utilizza l’account Google per poter ignorare il blocco PIN

I dispositivi che hanno una versione di Android precedente alla 5.0, hanno la possibilità di poter sbloccare il proprio dispositivo facendo uso di un account Google. Chiunque abbia dimenticato il PIN (o la password), può fare uso delle credenziali del proprio account Google collegato al telefono, usandole come password di backup per poter aggirare il blocco PIN del device. Dopo aver sbloccato il telefono utilizzando l’account Google, sarà poi possibile impostare una nuova password. Segui i passaggi indicati di seguito per vedere come:

  • Come prima cosa inserisci un codice PIN errato (cosa non difficile visto che non lo ricordi)
  • Dopo 5-6 volte, la voce “Password dimenticata” dovrebbe apparire sullo schermo. Toccala
  • Nella schermata a cui avrai adesso accesso, ti verrà chiesto di inserire il PIN di backup o le credenziali del tuo account Google. Se non si è impostato in precedenza un PIN di backup, non sarà possibile utilizzare tale funzione
  • Adesso inserisci il nome utente e la password del tuo account Google negli spazi appositi e tocca il pulsante per poter accedere
  • Il dispositivo verrà sbloccato e il PIN o la password precedente verranno eliminati. Ora ti sarà possibile impostare una nuova password per la schermata di blocco
Come sbloccare uno smartphone Android senza PIN: sblocca il telefono usando Smart Lock

I metodi visti in precedenza funzionano sulle versioni di Android più vecchie, come Android KitKat 4.4 o inferiore, mentre a partire da Android 5.0, è stata introdotta una nuova funzione che si chiama Smart Lock. Gli smartphone che utilizzano Android stock dispongono di questa funzione, ma la sua presenza dipende principalmente dalla marca del dispositivo, infatti alcuni OEM forniscono questa funzione mentre altri invece no. Quindi, se sei fortunato, sarai in grado di usare Smart Lock per sbloccare lo smartphone di cui non riesci a ricordare il PIN. Smart Lock consente di aggirare la password principale o il PIN in determinate circostanze: potrebbe trattarsi di un ambiente familiare come quando il dispositivo è connesso al Wi-Fi di casa o è connesso a un dispositivo Bluetooth affidabile. Ovviamente per poter funzionare questo metodo si deve aver attivato Smart Lock sul dispositivo. Di seguito è possibile capire meglio in quali circostanze è possibile impostare Smart Lock:

  • Luoghi sicuri: si può sbloccare il proprio dispositivo Android se si è connessi al Wi-Fi di casa. Quindi, se l’utente dovesse dimenticare il PIN, gli basterà tornare a casa e utilizzare la funzione Smart Lock per poter accedere al contenuto del telefono
  • Riconoscimento facciale: tanti dei moderni smartphone Android usciti di recente sono dotati tra i sistemi di sblocco anche del riconoscimento facciale, sistema che può essere usato in alternativa alla digitazione di password e PIN
  • Sblocco tramite dispositivo sicuro: si può sbloccare il telefono utilizzando anche un dispositivo affidabile come ad esempio un auricolare Bluetooth
  • Sblocco con la voce: ci sono alcuni smartphone Android, in particolare quelli che fanno uso di una versione del sistema operativo Stock come i Google Pixel o vecchi Nexus, che consentono di sbloccare il dispositivo con il semplice uso della voce
  • Rilevamento sul corpo: in questo caso lo smartphone è in grado di comprendere che il dispositivo è su di te e quindi, viene sbloccato. Questa caratteristica, tuttavia, ha i suoi svantaggi in quanto non è molto sicura. Sbloccherà il dispositivo indipendentemente da chi ne è in possesso. Non appena i sensori di movimento rileveranno un’attività, il telefono verrà sbloccato. Solo quando il dispositivo è poggiato fermo da qualche parte rimarrà bloccato. Pertanto, l’abilitazione di questa funzione di solito non è consigliata

Tieni presente che per poter sbloccare il telefono utilizzando un metodo Smart Lock, sarà necessario prima procedere con la configurazione. Si può accedere alla funzione Smart Lock dalle Impostazioni in Sicurezzae posizione. Tutte queste impostazioni e funzionalità sopra descritte richiedono che tu dia loro il via libera per sbloccare il tuo dispositivo, quindi assicurati di impostarne almeno un paio per salvarti nel caso in cui dimentichi il PIN di sblocco dello schermo

Come sbloccare uno smartphone Android senza PIN: i possessori di un dispositivo Samsung possono usare la funzione “Trova dispositivo personale”

Chi possiede un dispositivo Samsung, ha un’arma in più per poter sbloccare lo smartphone senza che vanga fatto uso del PIN di cui ci si è dimenticati e ciò è possibile facendo uso della funzione “Trova dispositivo personale”. Con questo metodo, l’unico prerequisito per poterlo utilizzare, consiste nell’avere un account Samsung registrato e aver effettuato l’accesso a questo account dal telefono di cui non si ricorda il PIN. Se riesci a soddisfare queste condizioni, segui i passaggi che trovi indicati di seguito per poter sbloccare il tuo dispositivo Samsung senza conoscere il PIN:

  • In primo luogo, da un dispositivo che ha accesso a internet via browser, come un computer, un laptop o un altro smartphone o tablet, apri il sito web ufficiale Trova dispositivo personale di Samsung
  • A questo punto accedi al tuo account Samsung inserendo le tue credenziali di accesso
  • Vai quindi nella sezione Trova dispositivo personale e cerca il tuo telefono nell’elenco tra i dispositivi che sono stati registrati
  • Una volta che è stato selezionato lo smartphone di cui non ricordi il PIN, tocca la voce Sblocca lo schermo che trovi nella barra laterale sinistra
  • Il dispositivo quindi verrà sbloccato e riceverai una notifica. Potrai adesso utilizzare il telefono come al solito e impostare un nuovo PIN o una nuova password, se lo si desideri
Come sbloccare uno smartphone Android senza PIN: utilizza Android Debug Bridge ADB (solo per dispositivi non crittografati)

Per utilizzare questo metodo, è necessario che il debug USB sia abilitato sullo smartphone di cui non riesci a ricordare il PIN. Questa opzione è disponibile accedendo alle Opzioni sviluppatore di Android e consente di accedere ai file del telefono tramite l’utilizzo di un computer. ADB viene utilizzato inserendo tutta una serie di codici nel dispositivo tramite l’uso della tastiera di un computer con sistema operativo Windows, in questo modo è possibile aggirare la schermata di blocco del telefono, pertanto, verrà disattivata qualsiasi password o PIN già esistente. Inoltre, il tuo dispositivo non deve essere crittografato. I nuovi dispositivi Android sono crittografati per impostazione predefinita e quindi questo metodo può essere usato solo con i vecchi dispositivi Android privi di crittografia.

Prima di iniziare con questo metodo, ti devi assicurare di avere Android Studio installato sul tuo computer e di averlo configurato correttamente. Successivamente, segui i passaggi indicati di seguito per riuscire a sbloccare il dispositivo utilizzando ADB:

  • Come prima cosa collega il tuo telefono Android al computer tramite un cavo USB
  • Adesso, accedi al Prompt dei comandi dalla cartella di Platform-Tool. Puoi farlo premendo Maiusc + Tasto destro del mouse e successivamente clicca sulla voce Apri la finestra di comando qui
  • Una volta aperta la finestra del prompt dei comandi di Windows, digita il codice seguente adb shell rm /data/system/gesture.key quindi premi sul tasto Invio
  • Fatto ciò, riavvia semplicemente il dispositivo e noterai che quando il telefono sarà di nuovo acceso, la schermata di blocco non sarà più presente
  • Imposta quindi un nuovo PIN o password per il tuo telefono Android

Spero che questi metodi ti siano stati utili e che sia riuscito a sbloccare lo smartphone Android di cui non ricordavi più il codice PIN. Non riuscire a superare la schermata di sblocco del proprio dispositivo può essere un’esperienza frustrante e spero che utilizzando le soluzioni elencate in questa guida sia riuscito a sbloccare il telefono di cui non ricordavi più il PIN. Tuttavia, la maggior parte di questi metodi funziona solo sui vecchi smartphone con una vecchia versione di Android, quindi se hai un dispositivo di recente costruzione, sarà molto difficile riuscire con lo sblocco usando questi metodi, questo perchè i nuovi smartphone Android hanno una crittografia e un livello di sicurezza molto più elevati ed è davvero difficile sbloccare il telefono se si dimentica il PIN o la password. È più possibile infatti che si debba optare per l’ultima risorsa, cioè è un ripristino allo stato di fabbrica del dispositivo, ma così facendo si perderanno tutti i dati ma almeno si potrà tornare a riutilizzare il telefono. Per questo motivo, è sempre una buona idea eseguire il backup dei dati di tanto in tanto quando è possibile e al termine del ripristino delle impostazioni di fabbrica, sarà poi possibile per l’utente scaricare tutti i file personali dal cloud su cui è stato salvato il backup dei dati o da un altro spazio di archiviazione.

Link Sponsorizzati