Modding

Come sostituire Google Play Services con MicroG ed impedire la condivisione dei dati

In questa guida vedremo come sostituire Google Play Services con MicroG ed impedire la condivisione dei dati proteggendo la propria privacy. Quando si parla di dati personali sicuramente uno dei nomi di cui si sente più parlare è Google, un colosso che lavora appunto con i dati che raccoglie dai suoi utenti. In quanto utente di Android, da Google conoscono praticamente tutto ciò che ti riguarda in base all’utilizzo che fai del dispositivo e questo sicuramente potrebbe spaventare alcune persone che si preoccupano per la loro privacy e sicurezza. Ovviamente questi dati condivisi con Google possono essere ridotti al minimo possibile, ottenendo così una buona privacy, ma se si desiderasse ancora di più ed evitare proprio la condivisione dei propri dati con Big G? Lo vedremo in questa guida, su come sostituire Google Play Services con MicroG ed impedire la condivisione dei dati.

Link Sponsorizzati

Uno dei modi migliori per poter avere un controllo completo del dispositivo Android, è quello di sostituire il firmware stock con una Rom personalizzata, che dovrà esserci necessaria per riuscire a proseguire in questa guida. Queste Rom, sono prive delle Google Apps (Gapps) e possono essere installate in seguito dall’utente scaricando gli appositi pacchetti in base alla versione del sistema operativo in uso. Se desideri però un maggiore controllo sul tuo dispositivo, puoi saltare l’installazione delle Gapps e usare al loro posto MicroG.

Tieni presente che molte applicazioni per poter funzionare, richiedono che il Google Play Services funzioni correttamente, altrimenti si potrà riscontrare un errore all’avvio di ogni applicazione. Con MicroG, viene iniettata una versione modificata dei servizi Google di base che sono richiesti dalla maggior parte delle applicazioni, ma senza che ci sia il loro monitoraggio o eventuali applicazioni Google e servizi in background aggiuntivi. Così facendo aumenterai il tuo livello di privacy e anche se non è lo scopo principale di MicroG, migliorerai anche la durata della batteria.

Vediamo quindi quali sono tutti i passaggi da seguire per sostituire Google Play Services con MicroG ed impedire la condivisione dei dati:

Come sostituire Google Play Services con MicroG ed impedire la condivisione dei dati: accertati che la tua Rom supporti la Signature spoofing

Quasi tutte le Rom personalizzate, possono supportare la Signature spoofing per impostazione predefinita in maniera tale da imbrogliare il sistema facendogli credere che i veri servizi Google siano installati sul sistema imitando la firma digitale delle app di Google.  Accertati che questo sia possibile per poter usare MicroG per il nostro scopo, chiedendo magari maggiori informazioni allo sviluppatore della Rom installata o a qualche community. In alternativa per fare una cosa più rapida è possibile usare l’applicazione Signature Spoofing Checker per comprendere se la Rom in uso supporta la Signature spoofing necessaria per far funzionare correttamente MicroG

Come sostituire Google Play Services con MicroG ed impedire la condivisione dei dati: salta l’installazione delle Gapps

Una volta accertato che la Rom che hai installato supporti la Signature spoofing, normalmente dopo aver installato una Custom Rom, si dovrebbe poi procedere nell’installare un pacchetto contenente le Google Apps per avviare i servizi offerti da Google sul dispositivo, ad esempio il Google Play Store. Tuttavia, se si decidesse di usare MicroG, non avrai bisogno di installare alcun pacchetto Gapps e se nella tua Rom hai già installato le Google Apps, ti consiglio di eseguire un reset del dispositivo da Recovery (prima però fai un backup completo di tutti i tuoi dati più importanti e se hai la TWRP installata di eseguire un Nandroid Backup). Una volta eseguito il reset del device Android e che le Gapps non sono più presenti, puoi passare al passaggio successivo

Come sostituire Google Play Services con MicroG ed impedire la condivisione dei dati: installa Nanodroid per MicroG

Una volta, per poter far funzionare l’intero pacchetto MicroG, si dovevano per forza scaricare più applicazioni separate. Con NanoDroid si sono semplificate le cose e con un singolo file zip è possibile eseguirne il flash da una Custom recovery come la TWRP:

  • Procedi nel scaricare il download di Nanodroid con MicroG nella memoria interna del dispositivo
  • Quindi procedi nell’avviare il dispositivo nella modalità ripristino, che come esempio sarà la TWRP in quanto ormai quella di maggior popolarità e con una grande stabilità
  • Vai adesso sulla voce Installa della TWRP
  • Cerca il file NanoDroid e procedi con la sua installazione
  • Al termine del flash di NanoDroid, procedi con il riavvio del dispositivo
  • Dalla Home Android, accedi alla lista delle app installate dalle impostazioni e individua l’app MicroG
Come sostituire Google Play Services con MicroG ed impedire la condivisione dei dati: concedi le autorizzazioni necessarie a MicroG

Una volta avviata Micro G per la prima volta, dovresti visualizzare una schermata che ti invita a concedere le autorizzazioni che desideri all’applicazione. Per poter funzionare correttamente MicroG, è necessario che tu dia i permessi necessari a tutte le 4 voci: Contatti; Posizione; Chiamate; Memoria. Queste voci devono essere attivate, è essenziale che la loro attivazione venga fatta, diversamente le applicazioni utilizzate non potranno avere accesso ai servizi Google modificati, vanificando lo scopo di MicroG.

Come sostituire Google Play Services con MicroG ed impedire la condivisione dei dati: esegui il test Self-Check

Apri l’applicazione MicroG e premi sulla voce Self-Check e se la tua Rom supporta la Signature spoofing, la prima casella sotto “Sigrature spoofing support” dovrebbe essere selezionata.

Ricorda che le cose non funzioneranno al meglio senza la Signature spoofing, consulta quindi la documentazione della ROM e chiedi allo sviluppatore o a una community se hai qualche dubbio, in alternativa puoi usare l’app test vista sopra.

Come sostituire Google Play Services con MicroG ed impedire la condivisione dei dati: configurare i servizi di localizzazione (facoltativo ma consigliato)

Questo passaggio è facoltativo e se si desidera di essere in grado di usare i servizi di localizzazione come il GPS per poter usare le mappe e il meteo, è necessario che siano abilitate le opzioni apposite all’interno dell’applicazione MicroG. Dal momento però che non ti stai più affidando ai servizi ufficiali di Google Play per recuperare i dati sulla tua posizione, MicroG li gestirà tramite le impostazioni di UnifiedNlp. Ecco come procedere:

  • Dalla schermata principale dell’app MicroG, premi la voce UnifiedNlp Settings
  • Vai successivamente su Configure Location Backends e assicurati che sia presente lo spunta su Mozilla Location Service
  • Premi su OK
  • Vai su Configure adress lookup backends e assicurati che sia presente lo spunta su Nominatim

  • Visualizza le impostazioni rapide dalla barra di stato e assicurati che le impostazioni relative alla posizione siano attive in modo da poter utilizzare i nuovi servizi di localizzazione senza Google

Una volta fatto tutto ciò, il GPS dovrebbe iniziare a funzionare come se stessi utilizzando realmente Google Play Services, potrai quindi utilizzare i vari navigatori e app widget meteo.

Ti ricordo che MicroG è compatibile soltanto con le Custom Rom che supportano il Signature spoofing, che come già detto permette di imitare la firma digitale delle applicazioni che sono state rilasciate da Google, quando vengono accettate e successivamente rese pubbliche sul Play Store. In caso di Android stock non sarà possibile sfruttare MicroG e anche con alcune Rom personalizzate come LineageOS sarà necessario usare la versione LineageOS for MicroG in quanto normalmente questa Rom non supporta il Signature Spoofing.


Link Sponsorizzati





Tagsmicrog