Guide

Cosa fare se la batteria di uno smartphone Android non carica [GUIDA]

Pubblicità

In questa guida vedremo cosa fare se la batteria di uno smartphone Android non carica. Purtroppo questo è un problema che può capitare a tutti prima a poi, si torna a casa con la batteria mezzo scarica, si inserisce il caricatore nella spina per una ricarica ma l’icona dello smartphone che segnala che il dispositivo è in carica non da nessun segno di vita, l’alimentatore non sta caricando la batteria. Ciò può essere decisamente fastidioso e frustrante perchè magari il problema è apparso proprio nel momento in cui si ha bisogno del telefono prima di uscire da qualche parte o si ha necessità di usarlo.

Pubblicità

Può poi capitare che lo smartphone a volte riesca a caricare solo parzialmente o molto lentamente la batteria del dispositivo o che usandolo mentre è in carica sia più la quantità di energia consumata che quella che invece viene immagazzinata o ancora che la batteria rimanga sempre alla stessa percentuale di ricarica quando allo stesso tempo si usa il telefono. Qualsiasi sia il problema di ricarica, in questa guida vedremo cosa fare se la batteria di uno smartphone Android non carica (con possibilità ovviamente di usare le soluzioni anche con i tablet).

Di seguito troverai alcune soluzioni che spero ti potranno essere utili a riportare a una ricarica normale la batteria del tuo device Android.

Cosa fare se la batteria di uno smartphone Android non carica? Prova Ampere
Pubblicità

La prima cosa che puoi fare se la batteria del telefono non riesce a ricaricarsi è quella di scaricare un’applicazione gratuita che si chiama Ampere. Quest’app serve per verificare alcuni parametri che hanno a che fare con la ricarica del dispositivo, riuscendoti ad aiutare a capire quale può essere il problema ed eventualmente risalire alla causa. In passato abbiamo già parlato di Ampere, motivo per cui ti consiglio di leggere l’articolo specifico su come scoprire se ci sono problemi di carica della batteria su Android in questo modo potrai comprendere meglio come funziona questa utile applicazione.

Cosa fare se la batteria di uno smartphone Android non carica? Cambia presa di corrente
Pubblicità

Se il tuo telefono Android non riesce a caricare la batteria, dai un’occhiata alla presa di corrente. A volte si cercano tante soluzioni al problema pensando sia causato dallo smartphone o dal caricabatteria quando alla fine il problema invece è la fonte d’energia ovvero la presa elettrica. Se stai provando a ricaricare il dispositivo ma la batteria non ne vuole sapere di caricarsi, prova a cambiare la presa da muro e usane un’altra, oppure prova a ricaricare da una presa USB del computer. Se cambiando presa la batteria da segni di ricarica, hai trovato il problema e in tal caso puoi controllare quale sia la causa (forse un filo staccato?) o eventualmente chiamare un tecnico specializzato in grado di rimetterti apposto la presa e renderla nuovamente funzionante.

Cosa fare se la batteria di uno smartphone Android non carica? Controlla il cavo di ricarica
Pubblicità

Uno dei problemi più comuni che impediscono a uno smartphone di ricaricarsi, è quello del cavo di ricarica con presa USB e che spesso si può smontare dal caricatore. Questo cavo che molte volte viene maltrattato piegandolo e facendogli prendere angolazioni dannose, prima o poi tende a rovinarsi e a spezzare i collegamenti interni, impedendo quindi una normale ricarica della batteria (ciò può avvenire in particolar modo nei primi 10 cm di collegamento del cavo alla connessione micro USB del telefono). Se possiedi un altro cavo identico o compatibile, magari di un altro smartphone potresti provarlo sul dispositivo dove hai problemi e vedere se il grattacapo si risolve o meno. Puoi provare anche a usare il tuo cavo USB su un altro smartphone con porta micro USB compatibile e testare se con quel dispositivo il problema si presenta o se invece tutto funziona alla perfezione. Se la ricarica non avviene anche con il telefono di prova hai trovato con molte probabilità la causa del problema.

Cosa fare se la batteria di uno smartphone Android non carica? Controlla il caricatore da muro
Pubblicità

Se il cavo USB non ha nulla, potresti avere il caricatore da muro difettoso. Puoi quindi provare a usare un altro caricatore compatibile, prelevato magari dal telefono di un amico o un membro della famiglia oppure puoi collegare il telefono tramite il cavo USB al computer. Se inizia il ciclo di ricarica il problema del telefono è sicuramente il caricatore. Ovviamente se hai però un caricatore da muro completo di cavo USB, tutto in un pezzo unico, dovrai cambiare tutto insieme.

Cosa fare se la batteria di uno smartphone Android non carica? Hardware molto sotto stress
Pubblicità

Se riscontri un problema di ricarica lenta quando utilizzi un gioco molto impegnativo per la CPU del telefono, è possibile che il dispositivo consumi tanta energia in quel momento, dando quindi la sensazione che la batteria non carichi o che sia eccessivamente lenta durante questa fase. In tal caso l’unica soluzione che puoi prendere in considerazione, è quella di smettere di giocare, oppure sapendo che in tal caso la ricarica sarà molto più lenta del solito, potrai continuare a usare il gioco, ma sapendo ovviamente che la ricarica potrai effettuarla senza problemi solo una volta che smetterai di giocare. Puoi altrimenti provare a mettere lo smartphone in modalità aereo per evitare che le reti attive consumino energia, se non è necessaria la rete wireless o dati per far funzionare il gioco, potresti notare un miglioramento sulla velocità di ricarica della batteria del dispositivo Android.

Cosa fare se la batteria di uno smartphone Android non carica? Controlla la porta USB del telefono
Pubblicità

Se hai escluso il caricatore e il cavo USB, magari perchè hai avuto modo di provarli su altri device e non hai avuto alcun problema, la causa della ricarica mancata potrebbe essere la porta USB del telefono Android, può infatti esserci la connessione interna che è piegata magari a causa di un urto o un inserimento poco delicato della presa micro USB nella sua sede, in tal caso ovviamente non essendoci contatto, non è possibile procedere con una normale ricarica. Puoi quindi provare a vedere se visivamente si nota qualcosa si storto dentro la porta micro USB, eventualmente se noti qualcosa, rimuovi la batteria e prova a raddrizzarlo aiutandoti con uno stecchino o un oggetto simile, quindi reinserisci la batteria e prova a vedere se la ricarica funziona. Se non risolvi nemmeno così e c’è bisogno di un intervento di smontaggio per cambiare un pezzo, se non sei in grado ti consiglio di portare lo smartphone da un tecnico specializzato in riparazione smartphone. Se invece non noti nulla di anomalo esternamente nella presa micro USB, potresti provare a soffiarci dentro con un pò d’aria compressa, potrebbe essere presente un pò di polvere o sporcizia che impedisce un contatto decente e di conseguenza una normale ricarica della batteria.

Cosa fare se la batteria di uno smartphone Android non carica? Sostituisci  la batteria con una nuova
Pubblicità

Non necessariamente la sostituzione di una batteria deve avvenire dopo anni d’utilizzo. Può capitare infatti di avere un dispositivo con un periodo di vita recente ma che comunque non riesce a lavorare correttamente in quanto dotato di batteria difettosa. Solitamente se una batteria è difettosa ci si accorge facilmente in quanto oltre a dare problemi di ricarica, potrebbe risultare esteticamente gonfia o nel peggiore dei casi perdere anche liquidi. Purtroppo però molti dei telefoni di ultima generazione non permettono uno smontaggio della cover posteriore, conseguentemente della batteria, quindi o ci si arma di cacciaviti e si smonta il telefono da se, oppure si sarà costretti a portare il dispositivo da un professionista capace di fare il lavoro.

Cosa fare se la batteria di uno smartphone Android non carica? Aggiorna o ripristina il sistema operativo
Pubblicità

Modificare il firmware può avere degli effetti in positivo o negativo sui tempi di ricarica della batteria, oltre che nella sua durata durante il normale utilizzo. I nuovi dispositivi con il sistema operativo con il robottino verde sono ottimizzati al meglio per quanto riguarda i tempi di ricarica e il risparmio energetico della batteria in maniera da poterla far durare per un tempo maggiore. Se hai notato dei problemi di ricarica dove aver cambiato il firmware stock con una versione più recente, oppure hai installato una custom rom in versione non ancora definita dallo sviluppatore “stabile”, forse sarebbe meglio fare un ripristino della versione precedente del firmware o usare la rom che avevi prima. Se invece il problema di ricarica lenta si è sempre presentato, si potrebbe risolvere con un aggiornamento del firmware all’ultima versione, in questo modo se era presente un bug che poi è stato risolto, oltre a risolvere il problema della ricarica lenta avrai anche un dispositivo Android più sicuro.

Questo è tutto. Questa guinda su cosa fare se la batteria di uno smartphone Android non carica è terminata. Hai già provato tutte le soluzioni viste sopra? Conosci qualche altro metodo che potrebbe risolvere i problemi di batteria su Android che non riesce a caricarsi o che ha tempi di ricarica molto lenti? Faccelo sapere nei commenti, potrai così aiutare qualcuno che ha riscontrato il tuo stesso problema a risolverlo.

Pubblicità




Questo sito Web utilizza i cookie, inclusi quelli di profilazione e di terze parti, per poter raccogliere informazioni sulla tua visita, migliorare la tua esperienza di navigazione e per mostrarti annunci pertinenti con i tuoi interessi. Consulta la nostra pagina Privacy & Cookie Policy per poter accedere a maggiori informazioni. Per accettare tutti i cookie e avere la miglior esperienza di navigazione possibile nelle pagine di questo sito, fai clic sul pulsante "Accetta i cookie", scorri la pagina proseguendo la navigazione o clicca in un qualsiasi contenuto per accedervi. In qualsiasi momento potrai revocare e modificare il tuo consenso ai cookie attraverso il link "Reset Cookie" che trovi in fondo a ogni pagina.

Imposta quali cookie vuoi consentire o bloccare

Visitando questo sito web, potrebbero venire memorizzati o recuperate delle informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookie. Queste informazioni potrebbero riguardare te, le tue preferenze o il dispositivo con cui hai avuto accesso e vengono utilizzate principalmente per far funzionare il sito nella maniera corretta. Le informazioni rilevate attraverso i cookie non sono in grado di identificarti direttamente, ma servono per offrirti un'esperienza web più adatta al tuo profilo utente. Poiché rispettiamo il tuo diritto alla privacy, puoi scegliere dal pannello che troverai di seguito di non consentire alcuni tipi di cookie o solo alcuni di essi. Usa l'interruttore di fianco a ogni categoria di cookie per gestire le tue preferenze, usa però questa funzione con molta attenzione, infatti, tieni presente che il blocco di alcuni tipi di cookie potrebbe influire negativamente sulla tua esperienza sul sito e sui servizi che siamo in grado di offrire. Se vuoi che il sito in questione possa offrirti il massimo per quanto riguarda i suoi contenuti, dovresti accettare tutti i cookie, diversamente l'esperienza utente potrebbe peggiorare. Nel caso dovessi ripensarci, nel caso avessi impostato male la tua decisione su quali cookie rifiutare su questo sito, in qualsiasi momento potrai cambiare la tua scelta premendo sul link "Reset Cookie" che trovi a fondo pagina. La durata dei cookie è di 365 giorni a partire dal momento in cui vengono accettati dall'utente.

Di seguito puoi scegliere quale tipo di cookie consentire o rifiutare su questo sito web e una volta fatta la tua scelta, clicca sul pulsante "Salva le impostazioni sui cookie" per rendere effettiva la tua decisione.

FunzionaliIl nostro sito web utilizza cookie funzionali. Questi cookie sono necessari per far funzionare il nostro sito web.

AnaliticiIl nostro sito Web utilizza cookie analitici per consentire di analizzare il nostro sito Web e ottimizzarlo allo scopo di migliorarne l'usabilità. Le visite tracciate sono anonime.

Social MediaIl nostro sito Web inserisce cookie di social media per mostrarti contenuti di terze parti come YouTube e FaceBook. Questi cookie possono tracciare i tuoi dati personali.

Ads PersonalizzatiIl nostro sito web inserisce cookie pubblicitari per mostrarti pubblicità di terze parti in base ai tuoi interessi. Questi cookie possono tracciare i tuoi dati personali.

AltroIl nostro sito web inserisce cookie di terze parti da altri servizi di terze parti che non sono analitici, social media o pubblicitari.