Guide

Come proteggere la propria privacy su WhatsApp per Android [GUIDA]

Pubblicità

Oggi con questa nuova guida vedremo come proteggere la propria privacy su WhatsApp per Android. Negli ultimi anni, la privacy è diventata uno dei problemi principali per gli utenti che navigano in internet e WhatsApp non fa eccezione. Con oltre 2 miliardi di utenti attivi in tutto il pianeta, WhatsApp è diventata una delle applicazioni di messaggistica istantanea più usate al mondo, ma il problema sulla privacy è sempre dietro l’angolo e ci sono alcune misure che è possibile adottare per proteggere la propria privacy e usarla in totale sicurezza quando si fa uso di questa piattaforma. In questa guida, vedremo proprio come proteggere la propria privacy su WhatsApp per Android e come impostare l’applicazione in modo che si possa proteggere al meglio la propria privacy, modificando a proprio vantaggio le impostazioni sulla privacy così da proteggersi al meglio.

Pubblicità

WhatsApp è uno dei servizi di messaggistica istantanea più popolari al mondo e se sei un utente attivo, è importante prendere alcune misure per proteggere la propria sicurezza e privacy. La crittografia end-to-end integrata che troviamo proprio su WhatsApp è abilitata per impostazione predefinita, ma ci sono ulteriori passaggi che è possibile adottare per garantire una maggiore protezione dei propri dati personali. In questa guida, vedremo quelle che sono le opzioni di sicurezza e privacy di WhatsApp più importanti e troverai diversi consigli che ti daranno modo di mantenere al sicuro i tuoi messaggi, le tue chiamate vocali e i tuoi dati personali. Che tu sia un utente nuovo o esperto di WhatsApp, questa guida ti aiuterà a comprendere le opzioni di sicurezza disponibili e a scegliere le impostazioni più appropriate per proteggere la tua privacy online. Vediamo quindi come proteggere la propria privacy su WhatsApp per Android.

Come proteggere la propria privacy su WhatsApp per Android: nascondi il tuo ultimo accesso online

Molti non vogliono che tutti possano vedere quando è stato fatto l’ultimo accesso online su WhatsApp e dall’app è possibile mostrarlo soltanto a chi si desidera. Se vuoi nascondere il tuo stato online puoi renderlo visibile solo a chi vuoi in questo modo:

  • Premi sull’icona  per accedere a WhatsApp
  • Tocca adesso l’icona con i tre punti in verticale che si trova nell’angolo in alto a destra dello schermo
  • Vai su Impostazioni seguito da Privacy
  • Da Ultimo accesso e online puoi decidere chi può vedere il tuo ultimo accesso e chi può vedere quando sei online. Per il tuo ultimo accesso puoi selezionare Tutti; I miei contatti; I miei contatti eccetto e Nessuno; per lo stato online puoi selezionare invece Tutto o Identico a ultimo accesso. Imposta adesso l’ultimo accesso e online come ti viene meglio per proteggere la tua privacy
Come proteggere la propria privacy su WhatsApp per Android: decidi chi può vedere la tua immagine di profilo

L’immagine di profilo può essere impostata sul proprio account per essere più facilmente riconosciuti dagli altri contatti che ti hanno sulla loro rubrica di WhatsApp, inoltre l’immagine del profilo visibile in chat da più l’idea di avere la persona davanti. L’immagine però per questione di privacy non la si vorrebbe far vedere a chiunque, quindi se ti ritrovi in questo caso, devi sapere che da WhatsApp è possibile modificare le impostazioni sulla privacy proprio a questo scopo:

  • Accedi su WhatsApp
  • Tocca l’icona con i tre punti in alto a destra e dal menu che ti appare premi su Impostazioni
  • Vai ora su Privacy e seleziona la voce Immagine del profilo
  • Seleziona l’opzione che desideri in base a chi vuoi che possa vedere la tua immagine di profilo scegliendo tra: Tutti; I miei contatti; I miei contatti eccetto…; Nessuno
Come proteggere la propria privacy su WhatsApp per Android: decidi a chi rendere visibili le tue info

Sempre da WhatsApp potrai decidere chi può visualizzare le tue info di contatto. Anche in questo caso è molto semplice decidere chi può avere accesso alle tue informazioni e ti basterà seguire questi semplici passaggi:

  • Apri l’app WhatsApp toccando la sua icona 
  • Tocca l’icona con i tre punti in verticale  in alto a destra per visualizzare il menu
  • Vai su Impostazioni e dopo su Privacy
  • Tocca la voce Info e decidi chi può visualizzare le tue info tra: Tutti; I miei contatti; I miei contatti eccetto…; Nessuno
Come proteggere la propria privacy su WhatsApp per Android: chi può vedere il tuo Stato

Lo stato di WhatsApp è una funzione che consente agli utenti di condividere brevi messaggi, foto o video con tutti i loro contatti contemporaneamente ed è simile per scopo e funzionamento alle “Storie” presenti su altre piattaforme di social media come Instagram o Facebook. Una volta pubblicato, lo Stato rimane visibile per 24 ore a tutti i contatti dell’utente, dopodiché scompare in automatico. Gli utenti in possesso di un account WhatsApp però, come vedremo ora, per questioni di privacy possono scegliere di condividere il loro Stato solo con un gruppo specifico di contatti invece che con tutti i contatti.

Ecco come decidere chi può vedere il proprio Stato su WhatsApp:

  • Accedi sull’app WhatsApp
  • Visualizza il menu toccando l’icona con i tre punti in alto a destra
  • Tocca la voce Impostazioni > Privacy
  • Premi su Stato e decidi chi può visualizzarlo tra: I miei contatti; I miei contatti eccetto…; Condividi con…
Come proteggere la propria privacy su WhatsApp per Android: disattiva le conferme di lettura

Se non vuoi che gli altri possano capire quando hai letto un messaggio, puoi disattivare le conferme di lettura dei messaggi ricevuti in chat. Considera però che se disattivi le conferme di lettura non solo non vedranno le spunta blu i contatti che ti hanno inviato un messaggio e che hai già letto, ma anche tu non potrai vedere le spunta blu quando qualcuno legge un messaggio che hai inviato a qualcuno in chat.

Se per questioni di privacy vuoi disattivare le conferme di lettura procedi come segue:

  • Entra su WhatsApp  e tocca l’icona con i tre punti 
  • Vai ora su Privacy e disattiva l’interruttore che si trova di fianco a Conferme di lettura. Ora hai disattivato le conferme di lettura o spunta blu, ma considera che queste continueranno a essere sempre in funzione se si partecipa alle chat di gruppo
Come proteggere la propria privacy su WhatsApp per Android: posizione in tempo reale

La posizione in tempo reale di WhatsApp è una funzione che se viene attivata consente agli utenti di condividere la loro posizione attuale in live e che viene resa visibile su una mappa. Ciò significa che i contatti possono vedere la posizione esatta dell’utente in tempo reale sulla mappa e questa funzione può essere utile per gli utenti che vogliono condividere la loro posizione in tempo reale con amici o familiari durante una riunione o un viaggio, o per assicurarsi che i loro cari siano al sicuro quando si trovano fuori casa. Tuttavia, è importante notare che la condivisione della posizione in tempo reale può anche comportare seri rischi per la privacy e la sicurezza, quindi gli utenti dovrebbero utilizzarla con cautela e solo con persone di cui si fidano.

Ovviamente per questione di privacy non vorrai che la posizione in tempo reale sia in funzione su WhatsApp, quindi per assicurarti che sia disattivata procedi come segue:

  • Accedi su WhatsApp > Icona menu > Privacy
  • Sotto la voce Posizione in tempo reale, accertati che sia impostata su Nessuna o nel caso fosse attiva la condivisione procedi con la sua disattivazione
Come proteggere la propria privacy su WhatsApp per Android: decidi chi può aggiungerti ai gruppi

Per questioni di sicurezza, potresti decidere di impostare l’invito ai gruppi solo per una ristretta cerchia di utenti. Non sono rari infatti i casi dove si viene aggiunti su gruppi WhatsApp dove si rischia di incorrere in vere e proprie truffe, magari dove viene proposto l’acquisto di prodotti a basso costo inesistenti o dove si chiedono soldi per qualsiasi ragione inventata.

Se vuoi evitare che chiunque possa invitarti su un gruppo WhatsApp, puoi procedere in questo modo:

  • Entra dentro l’app WhatsApp 
  • Tocca l’icona con i tre punti per visualizzare il menu e seleziona la voce Impostazioni
  • Vai ora su Privacy e tocca Gruppi, quindi decidi chi può aggiungerti ai gruppi tra Tutti; I miei contatti; I miei contatti eccetto…
Come proteggere la propria privacy su WhatsApp per Android: messaggi effimeri

I messaggi effimeri che si possono attivare su WhatsApp, sono dei messaggi temporanei che si cancellano in automatico dopo che è trascorso un certo periodo di tempo. Questa funzione quindi, consente agli utenti che chattano su WhatsApp di potersi inviare dei messaggi che possono essere letti solo per un breve periodo di tempo e poi si autodistruggono da soli, eliminandosi dalla chat senza lasciare alcuna traccia. Per utilizzare questa funzione, gli utenti possono selezionare l’opzione “Messaggi effimeri” dalle impostazioni dell’app quando iniziano una nuova chat e possono attivare o disattivare questa funzione in qualsiasi momento durante una chat attiva. Una volta attivata la funzione dei messaggi effimeri, questa funzionerà sia per i messaggi inviati che quelli ricevuti in chat e verranno cancellati in modo automatico dopo un periodo di tempo che può essere impostato fino a un massimo di 90 giorni. Questo vale solo per i messaggi scritti dopo l’attivazione dei messaggi effimeri, mentre non vale per i messaggi che ci si è scambiati prima della loro attivazione.

È importante notare però che i messaggi effimeri non sono completamente sicuri e non sono un’opzione raccomandata per la condivisione di informazioni particolarmente sensibili o riservate. Infatti, gli utenti possono comunque fare uno screenshot del messaggio prima che venga cancellato o utilizzare altre tecniche per salvare il contenuto del messaggio, inoltre, i messaggi effimeri non impediscono a WhatsApp di conservare i metadati relativi alla chat, come la data e l’ora in cui è stata avviata e il numero di telefono degli utenti coinvolti nella chat. Salvo rari casi però dove è meglio in ogni caso non scambiarsi certi messaggi via chat, l’invio di messaggi effimeri permette agli utenti di poter chattare tra loro con una maggiore privacy.

Questi sono i passaggi per attivare i messaggi effimeri su WhatsApp per Android:

  • Accedi all’app WhatsApp toccando la sua caratteristica icona verde
  • Seleziona con un tocco il nome del contatto per aprire la chat con cui vuoi scambiarti i messaggi che si cancellano da soli dopo un tot periodo di tempo preimpostato
  • Una volta dentro la chat, tocca l’icona in alto a destra con i tre punti e ti si aprirà un piccolo menu
  • Premi su Messaggi effimeri e dalla schermata successiva imposta il timer potendo selezionare tra 24 ore, 7 giorni, 90 giorni. Trascorso il tempo impostato i messaggi che ti sei scambiato con quei contatti si autodistruggeranno a esclusione di quelli precedentemente scambiati prima di attivare i messaggi effimeri
  • Per disattivare i messaggi che si cancellano da soli, ti basterà andare nella schermata dei Messaggi effimeri e selezionare l’opzione No

Vuoi invece attivare i messaggi effimeri per tutte le nuove chat che andrai a iniziare e non vuoi attivare i messaggi che si autodistruggono per ogni singola chat? In tal caso ti basterà fare come segue:

  • Vai sull’app WhatsApp
  • Tocca l’icona del menu  > Impostazioni
  • Tocca la voce Privacy e dalla nuova schermata, sotto la sezione Messaggi effimeri premi su Timer predefinito messaggi e decidi per le nuove chat che inizieranno per quanto dovranno essere lasciati visibili i messaggi. Puoi selezionare tra 24 ore; 7 giorni; 90 giorni; No. Adesso tutte le nuove chat individuali che andrai a iniziare saranno scritte con messaggi effimeri e si andranno a cancellare da soli una volta trascorso il periodo di tempo che hai preimpostato. In qualsiasi momento sia tu che l’altro contatto potranno disattivare i messaggi effimeri per la chat in cui ci si messaggia insieme
Come proteggere la propria privacy su WhatsApp per Android: mostra le notifiche di sicurezza sul dispositivo

È possibile verificare se le chat su WhatsApp sono crittografate end-to-end utilizzando i codici di sicurezza che possono essere visualizzati come un codice QR o un numero di 60 cifre nella schermata delle informazioni di contatto. Potrebbe capitare che i codici di sicurezza che vengono usati nelle chat con crittografia end-to-end tra te e gli altri possano cambiare e questo può succedere perché probabilmente tu o il tuo contatto avete reinstallato WhatsApp, cambiato smartphone oppure è stato aggiunto o rimosso un dispositivo collegato. Questo processo di generazione del codice di sicurezza si verifica automaticamente in background, senza alcuna necessità di intervento manuale da parte dell’utente e i codici di sicurezza sono basati su chiavi speciali condivise tra gli utenti che partecipano alla chat ma le vere chiavi sono sempre mantenute segrete.

Per garantire la massima sicurezza possibile, WhatsApp offre la possibilità di ricevere una notifica ogni volta che il codice di sicurezza cambia, in questo modo, l’utente può essere certo che la crittografia end-to-end della chat sia ancora attiva e che nessun terzo abbia avuto accesso ai messaggi scambiati. È importante sottolineare che, se si vuole verificare la crittografia con il proprio amico su un altro WhatsApp, è necessario confrontare i codici di sicurezza della chat su WhatsApp e dell’altro account. Se poi usi più di un dispositivo, è necessario attivare l’impostazione per tutti quelli su cui desideri ricevere la notifica.

Per attivare la notifica di sicurezza su un dispositivo WhatsApp, procedi come segue:

  • Apri l’app WhatsApp
  • Tocca l’icona con i tre punti in verticale  che puoi trovare in alto a destra della schermata
  • Premi su Impostazioni
  • Vai su Account e subito dopo su Notifiche di sicurezza
  • Attiva l’interruttore che trovi di fianco a Mostra notifiche di sicurezza su questo dispositivo
  • Attiva la visualizzazione della notifica per ogni dispositivo su cui desideri ricevere la notifica
Come proteggere la propria privacy su WhatsApp per Android: attiva la verifica in due passaggi

La verifica in due passaggi di WhatsApp è una funzione di sicurezza opzionale che aggiunge un ulteriore livello di protezione all’account dell’utente. Quando infatti viene attivata questa funzione, viene richiesto da parte dell’app di creare un codice di verifica a sei cifre che dovrà essere inserito ogni volta che si accede all’account da un nuovo dispositivo. In pratica, la verifica in due passaggi rende più difficile per le persone non autorizzate riuscire ad accedere all’account di WhatsApp dell’utente in quanto viene richiesto il codice di verifica che è conosciuto solo dall’utente e non viene memorizzato sui server di WhatsApp. È importante ricordare che, se si attiva la verifica in due passaggi, è necessario memorizzare il codice di verifica in un luogo sicuro, questo perché in caso di smarrimento non sarà possibile accedere all’account, anche se è possibile impostare un’email di backup che consentirà di reimpostare il codice di verifica in caso di smarrimento. WhatsApp inoltre potrebbe fare dei controlli casuali e periodici per il PIN al fine di diminuire le probabilità di dimenticare il proprio codice, tuttavia questo non è lo scopo principale della verifica in due passaggi di WhatsApp e che è invece quello di impedire a qualcun altro di accedere al proprio account senza averne prima avuto il consenso e anche se si ha accesso al proprio numero di telefono, cosa che può accadere ad esempio nei casi di SIM swap.

Puoi attivare la verifica in due passaggi su WhatsApp seguendo questi passaggi:

  • Apri l’app WhatsApp
  • Premi sull’icona con i tre punti in verticale 
  • Vai su Impostazioni
  • Tocca la voce Account e dalla nuova schermata premi su Verifica in due passaggi e successivamente sul pulsante Attiva
  • Inserisci un PIN che puoi facilmente memorizzare e segui le istruzioni sullo schermo
Come proteggere la propria privacy su WhatsApp per Android: inserisci il blocco all’app tramite il riconoscimento dell’impronta digitale

Un’altra funzione interessante di cui dispone WhatsApp Messenger per aumentare la privacy dei propri messaggi è quella di bloccare l’applicazione in questione con l’inserimento del riconoscimento delle impronte digitali. In questo modo, solo il proprietario del telefono su cui è installata WhatsApp ha la possibilità di poter accedere al contenuto dell’applicazione di messaggistica, anche se dai modo ad altri di prendere in mano il tuo dispositivo senza dover bloccare prima lo schermo. Purtroppo però, il limite di questa funzione è che è disponibile solo sui dispositivi che supportano il riconoscimento delle impronte digitali, il che significa che per i dispositivi sprovvisti non è possibile bloccare l’accesso all’app WhatsApp con l’utilizzo di un altro metodo più vecchio di sicurezza, come l’utilizzo di una password. Se desideri infatti utilizzare una password per bloccare l’app WhatsApp, dovrai necessariamente fare uso di un’app di terze parti.

Per bloccare l’accesso all’app WhatsApp tramite impronta digitale procedi come segue:

  • Tocca l’icona dell’app WhatsApp per accedervi 
  • Premi quindi sull’icona con i tre punti  che trovi in alto a destra dello schermo e vai su Impostazioni
  • Seleziona ora la voce Privacy e scorri verso il basso fino a Blocco con impronta digitale e tocca questa voce
  • Attiva l’interruttore di fianco a Sblocca con impronta digitale. Adesso per accedere all’app WhatsApp dovrai usare la tua impronta digitale quando richiesta, ma considera che anche se l’app rimane bloccata potrai comunque rispondere alle chiamate
Come proteggere la propria privacy su WhatsApp per Android: esegui la crittografia del backup su cloud

WhatsApp permette di eseguire il backup delle tue chat sul cloud Google Drive e dove vengono salvate le copie di sicurezza che possono essere ripristinate in caso di necessità, ad esempio quando si cancella l’app oppure si resetta o si cambia il dispositivo. Per impostazione predefinita però questo backup non è crittografato, quindi per renderlo più sicuro potresti attivare la crittografia per le copie di sicurezza delle tue chat salvate su cloud. Se quindi tieni in modo particolare alla tua privacy, potresti attivare la crittografia end-to-end per i backup di WhatsApp che vengono salvati su Google Drive. Ti informo però che, nel caso non lo sapessi, l’archiviazione dei tuoi dati con Google potrebbe non darti la giusta protezione dalle intercettazioni da parte dei governi.

Puoi attivare la crittografia end-to-end per i backup di WhatsApp in questo modo:

  • Entra nell’app WhatsApp
  • Tocca l’icona con i tre punti  nell’angolo in alto a destra
  • Premi ora sulla voce Impostazioni > Chat
  • Scorri fino a Backup delle chat e tocca questa voce quando la trovi
  • Premi ora su Backup crittografato end-to-end e dalla successiva schermata premi sul pulsante Attiva

Adesso che hai attivato tutto ciò che occorre, prima che il backup venga caricato su Google Drive verrà crittografato end-to-end. A questo backup non potrà accedere nessuno, né WhatsApp e nemmeno Google.

Come proteggere la propria privacy su WhatsApp per Android: conclusioni

La privacy su WhatsApp è un senza dubbio un tema molto importante e che deve essere preso molto seriamente in quanto è un aspetto critico della tua sicurezza online. La tua privacy è importante e le tue informazioni personali devono essere protette da eventuali violazioni, proprio per questo WhatsApp ha introdotto molte funzionalità di sicurezza, come la crittografia end-to-end e l’autenticazione a due fattori, per aiutarti a proteggere la tua privacy. Ma è anche importante che tu ti assuma la responsabilità di proteggere te stesso e le tue informazioni personali, per questo motivo ti devi assicurare di impostare le tue preferenze sulla privacy in modo appropriato e di utilizzare le funzionalità di sicurezza offerte da WhatsApp in modo da proteggerti al meglio, in questo modo, sarai in grado di poter utilizzare l’applicazione WhatsApp in modo sicuro e protetto, senza più preoccuparti troppo di eventuali violazioni della tua privacy. Alla prossima guida.

Pubblicità