Guide

Come scansionare i documenti e aggiungerli su Google Drive da Android [GUIDA]

Pubblicità

Oggi vedremo con questa nuova guida come scansionare i documenti e aggiungerli su Google Drive da Android. Drive è un servizio gratuito offerto da Google che da modo all’utente di poter avere 15 GB di spazio su cui poter salvare file di diverso tipo, dalle foto ai video, ma anche documenti e altri tipi di file ancora, inoltre lo spazio messo a disposizione da Drive è condiviso con altri servizi gratuiti che sono Gmail e Google Foto. Google Drive si trova preinstallato sui telefoni Android con i servizi Google e spesso viene usato per poterci salvare al suo interno vari tipi di documenti e proprio per questa ragione è stata aggiunta una funzione che permette di poter scansionare velocemente documenti e altro ancora da salvare sullo spazio di archiviazione.

Pubblicità

Se hai la necessità di scansionare la pagina di un libro, di un quaderno o di un documento e vuoi salvare il tutto su Drive, adesso Google ti da la possibilità di farlo direttamente dall’applicazione senza il bisogno di dover usare app di terze parti, inoltre una volta ottenuta la scansione in formato pdf, è possibile anche applicare delle modifiche che possono migliorare la leggibilità del contenuto che è stato scansionato con lo smartphone. Se vuoi scansionare qualcosa come dei documenti e magari modificarli per renderli migliori prima di salvarli su Google Drive, ma non hai ben chiaro come fare, continua a leggere questa guida per scoprire come procedere.

Come scansionare i documenti e aggiungerli su Google Drive da Android: procedimento per scansionare un documento

Hai bisogno di scansionare un documento o la pagina di un libro? Puoi in tal caso usare Drive se hai intenzione di salvare l’immagine ottenuta su Google Drive. Non avrai bisogno quindi di utilizzare applicazioni di terze parti per poter procedere con una scansione e editing, ma potrai usare direttamente l’app Drive per procedere, quindi pochi minuti e otterrai la tua scansione salvata sul cloud di Google.

Ma vediamo adesso come procedere per scansionare un documento usando l’app Drive per Android:

  • Come prima cosa ti consiglio di assicurarti che la tua app Google Drive sia aggiornata all’ultima versione che è stata rilasciata. Puoi verificare facilmente se c’è il bisogno di dover aggiornare Drive accedendo al Play Store, quindi cerca Drive e se visualizzi il pulsante “Aggiorna” toccalo per poter scaricare l’ultima versione dell’app
  • Una volta che ti sei assicurato di aver aggiornato Drive alla sua ultima versione rilasciata, procedi con la sua apertura toccando l’apposita icona
  • Ti verrà mostrata adesso la schermata principale di Drive. Da qui se guardi in basso a destra vedrai una nuova icona in cui è disegnata una fotocamera. Toccala

  • Toccando l’icona con la fotocamera potresti visualizzare una nuova schermata da cui viene avviato l’aggiornamento del Google Play Services. Attendi che questo termini

  • Ora che hai aggiornato anche il Google Play Services (se era necessario), dalla schermata principale di Google Drive, come già visto sopra puoi toccare di nuovo l’icona con la fotocamera che serve per scansionare i documenti
  • Si aprirà adesso la fotocamera da cui puoi decidere se usare la scansione manuale o la scansione a scatto multiplo. La scansione nominata “Manuale” permette di scattare una foto manualmente quando si pensa di aver inquadrato correttamente ciò che si vuole scansionare, mentre invece con l’alternativa più automatizzata “Scatto multiplo“, una volta formato il riquadro del documento da scansionare, è l’app stessa che fa lo scatto in modo da farti ottenere la migliore scansione possibile (anche con lo Scatto multiplo puoi scattare la foto quando vuoi premendo sull’apposito pulsante). La scansione di un documento può essere eseguita sia mettendo il telefono in orizzontale che in verticale, in questo modo ti sarà semplice scansionare ad esempio un foglio poggiato su una scrivania, così come il contenuto che viene mostrato sullo schermo di un computer

  • Di base se azioni la fotocamera da Drive trovi preselezionato lo Scatto multiplo, ma se ti viene meglio puoi usare quello Manuale al suo posto. Entrambe le soluzioni funzionano comunque discretamente bene riguardo la scansione. Una volta che hai avuto modo di ottenere la scansione, ti verrà mostrata una schermata “Anteprima” da cui con un editor molto basico si ha la possibilità di accedere a diverse funzioni che possono modificare l’immagine scansionata ottenuta, ma di questo ne parliamo meglio nel punto successivo

  • Selezionando la voce “Ritaglia e ruota” sarai in grado di poter ritagliare l’immagine ottenuta dalla scansione. Il ritaglio può essere può essere di tipo automatico (Ritaglio automatico) ed è adatto a chi vuole che sia l’app a decidere la parte più adatta da ritagliare dell’immagine, anche se le correzioni del ritaglio si possono ancora fare manualmente, mentre selezionando “Nessun ritaglio“, l’immagine verrà selezionata per intero, quindi l’utente può selezionare cosa ritagliare scorrendo il dito. Selezionando la voce “Ruota” invece, si può ruotare in senso orario e di 90 gradi alla volta l’immagine. Una volta completata la modifica all’immagine scannerizzata puoi premere sul pulsante con scritto “Applica

  • Altra funzione disponibile in questo editor “Anteprima” di Google Drive è quella “Filtro“. Toccando la voce Filtro si ha accesso a accesso a una serie di filtri che possono essere applicati a un’immagine che è stata scansionata: Automatico; Colore; Scala di grigi; Nessuno. Ma vediamo più nel dettaglio ogni filtro:
    • Nessuno: non viene applicato nessun filtro all’immagine scansionata e viene rimosso un filtro che è stato usato in precedenza
    • Automatico: viene applicato da parte di Drive un filtro che migliora la qualità dell’immagine scansionata
    • Colore: se si è usata la scala di grigi su una foto a colori, la si può riportare a colori toccando questo filtro
    • Scala di grigi: l’immagine se è a colori viene modificata in scala di grigi
    • Una volta che hai terminato la modifica dell’immagine, puoi premere sul pulsante “Applica
  • Verrai riportato adesso nella schermata “Anteprima” e da qui puoi decidere se aggiungere una nuova scansione toccando l’icona con il “+” oppure se sostituire una scansione con una nuova toccando l’icona con la fotocamera “Nuovo scatto

  • Una volta terminato, premi sul pulsante con scritto “Fine” (o se vuoi cancellare una scansione premi sull’icona con il cestino e l’etichetta “Elimina“)
  • Se hai premuto su Fine, verrai rimandato alla schermata “Salva in Drive“. Qui puoi dare un nome al file dell’immagine del documento che hai scansionato (il file rimarrà sempre in formato pdf e al momento non si può modificare), puoi impostare la Posizione e selezionare il tuo account Drive (se ne usi più di uno) su cui fare il salvataggio del file

  • Quando dalla schermata “Salva in Drive” hai impostato tutte le 3 voci viste sopra come desideri, puoi premere sul pulsante con scritto “Salva” per inviare il file pdf a Drive. Dalla schermata delle notifiche dello smartphone puoi vedere come avanza il caricamento

  • Vai ora su Drive > File e dovresti trovare il file pdf caricato con l’immagine o le immagini scansionate dei documenti. Se non lo vedi attiva il Wi-Fi per caricarlo sul tuo account Google Drive. Ed ecco qui sotto l’immagine con il file scansionato caricato. Toccalo per aprirlo e visualizzare le immagini delle scansioni contenute nel file pdf

Come scansionare i documenti e aggiungerli su Google Drive da Android: conclusioni

Abbiamo visto come sia facile scansionare un documento usando direttamente l’app Google Drive per Android e caricarlo al suo interno, inoltre abbiamo visto anche quali sono le funzioni presenti nell’editor dell’applicazione per poter modificare l’immagine ottenuta e migliorare la scansione ottenuta. Potrai così scansionare una pagina di un documento, di un libro, un appunto ecc., direttamente dall’app Google Drive che si trova già preinstallata sul telefono Android e caricarla sul cloud, in modo da non occupare spazio prezioso sul tuo smartphone. Alla prossima guida.

Pubblicità