Guide
Cosa fare se il sensore di prossimità non funziona con WhatsApp [GUIDA]

Pubblicità

WhatsApp è una delle app di messaggistica preferite da tanti utenti di tutto il mondo e che ha semplificato le nostre vite per quanto riguarda la comunicazione con le persone che conosciamo. Si tratta di un’app che è di proprietà di Facebook e vanta oltre 2 miliardi di utenti in tutto il mondo, il che la rende una delle più diffuse applicazioni di messaggistica istantanea. Riuscire a creare un account per usare WhatsApp è veramente semplicissimo e basta usare il proprio numero di telefono per ricevere un codice che darà modo di creare il proprio account, quindi a quel punto attraverso la rubrica telefonica dei propri contatti, verranno riconosciuti i numeri di telefono che fanno uso di WhatsApp e verranno mostrati anche nella lista contatti dell’app di messaggistica. WhatsApp può essere scaricata su dispositivi Android e iOS, inoltre, gli utenti possono utilizzare WhatsApp anche sui propri PC desktop e notebook tramite la versione Web di WhatsApp. Un problema che può però interessare gli utenti in possesso di uno smartphone Android e che fanno uso di WhatsApp riguarda il sensore di prossimità, ovvero quel sensore che su uno smartphone si occupa di spegnere lo schermo in automatico in certe circostanze e proprio questo malfunzionamento del sensore tratteremo in questa guida e vedremo cosa fare se il sensore di prossimità non funziona su WhatsApp.

Pubblicità


Ma perché il sensore di prossimità del telefono, su WhatsApp impedisce di usare alcune funzioni dell’app? Su WhatsApp, quando il sensore di prossimità non funziona bene, spegne lo schermo ogni volta che si solleva il telefono per ascoltare i messaggi vocali, mentre si scrive, si sta in videochiamata ecc., per evitare o prevenire tocchi indesiderati sullo schermo. Quando lo schermo si spegne per via del sensore di prossimità, lo schermo diventa nero, i volumi di ciò che dovevi ascoltare su WhatsApp si azzerano e il touchscreen smette di funzionare, quindi se ad esempio volevi ascoltare un messaggio vocale, se entrerà in funzione il sensore di prossimità quando non necessario, lo schermo si andrà a spegnere e non potrai procedere con l’ascolto.

Cosa fare se il sensore di prossimità non funziona su WhatsApp: perché non funziona il sensore di prossimità con WhatsApp
Pubblicità


Possono essere diverse le ragioni per cui non funziona il sensore di prossimità con WhatsApp:

  • Stai usando una pellicola protettiva per lo schermo che interferisce con il corretto funzionamento del sensore di prossimità
  • Hai montato una cover protettiva che va a interferire con il corretto funzionamento del sensore di prossimità
  • L’app WhatsApp ha un bug che ha a che fare con il funzionamento del sensore di prossimità
  • Il sensore di prossimità è stato progettato male. Molti saranno a conoscenza dei problemi che ad alcuni utenti da il sensore di prossimità montato su alcuni smartphone Xiaomi, Redmi e Poco
  • Bug nel sensore di prossimità a causa del sistema operativo Android
Cosa fare se il sensore di prossimità non funziona su WhatsApp: rimuovi la pellicola protettiva dallo schermo
Pubblicità


Una pellicola protettiva troppo spessa o montata male perché copre male lo schermo, potrebbe causare dei malfunzionamenti che riguardano il sensore di prossimità quando si usa WhatsApp in certe condizioni. La soluzione in questo caso consiste nel rimuovere la pellicola dallo schermo del telefono e applicarne una più sottile oppure posizionata meglio o ancora rimuovere del tutto la pellicola protettiva. Se senza pellicola sullo schermo, il sensore di prossimità funziona correttamente, hai trovato allora la soluzione al problema.

Cosa fare se il sensore di prossimità non funziona su WhatsApp: rimuovi la cover protettiva dallo smartphone
Pubblicità


Una cover protettiva troppo spessa e che copre anche solo in parte i bordi dove è stato montato il sensore di prossimità, potrebbe portare a un malfunzionamento di quest’ultimo. Dovresti quindi rimuovere la cover e verificare se così facendo il problema con il sensore di prossimità quando usi WhatsApp si presenta nuovamente. Se scopri che il problema al sensore di prossimità è causato dalla cover, puoi cercare di posizionarla meglio, cambiarla con un’altra o usare direttamente il telefono senza la protezione.

Cosa fare se il sensore di prossimità non funziona su WhatsApp: aggiorna l’app WhatsApp
Pubblicità


Se l’app WhatsApp ha un bug che interessa il funzionamento del sensore di prossimità dello smartphone, potrebbero verificarsi dei malfunzionamenti. Cosa fare quindi in questo caso? Si dovrebbe procedere con l’aggiornamento dell’applicazione, cosa che dovrebbe avvenire entro poco tempo da quando è stato scoperto il bug. Per aggiornare WhatsApp è necessario recarsi nella pagina dell’app sul Google Play Store, quindi premere sul pulsante Aggiorna.

Cosa fare se il sensore di prossimità non funziona su WhatsApp: se il sensore di prossimità è progettato male
Pubblicità


Se il sensore di prossimità è stato progettato male e a causa di ciò non funziona come dovrebbe, sarà molto facile andare incontro a problemi di malfunzionamento quando si utilizza WhatsApp o qualche altra funzione che richiede l’uso del sensore incriminato. Diversi utenti in possesso di un telefono marchiato Xiaomi, Redimi o Poco hanno lamentato dei problemi con il sensore di prossimità e l’uso di alcune funzioni di WhatsApp, come i messaggi vocali che, quando avviati lo schermo si spegneva, bloccando anche l’audio in uscita e quindi impossibilitando l’utente nel riuscire ad ascoltare i messaggi vocali la maggior parte delle volte. Non c’è tanto da fare qui, si può sperare in un aggiornamento software che renda meno evidente il problema che interessa il sensore di prossimità o se si è fortunati che lo elimini del tutto, diversamente o si convive con il problema o ci si reca in un centro assistenza sperando in una riparazione o si cambia telefono.

Cosa fare se il sensore di prossimità non funziona su WhatsApp: sistema operativo da aggiornare con il bug del sensore di prossimità risolto
Pubblicità


Il sensore di prossimità potrebbe essere perfettamente progettato e in teoria dovrebbe funzionare bene, ma nella pratica un bug nel software di Android gli impedisce di funzionare correttamente. Se il problema è noto il produttore dello smartphone rilascerà sicuramente un aggiornamento con il bug che interessa il sensore di prossimità risolto, quindi in tal caso non si dovrà fare altro che aggiornare il sistema operativo e godersi il proprio smartphone con il sensore di prossimità finalmente funzionante, non solo con WhatsApp, visto che in tal caso il malfunzionamento sarà generale con qualsiasi funzione che riguarda il suo utilizzo.

Per aggiornare Android vai su: Impostazioni > Sistema e aggiornamenti > Aggiornamento software > Verifica Aggiornamenti > Se è presente un nuovo aggiornamento procedi con il suo download e installazione

Pubblicità
Pubblicità

Questo sito Web utilizza i cookie inclusi quelli di profilazione e terze parti per raccogliere informazioni sulle visite, migliorare la navigazione e mostrare annunci pubblicitari pertinenti. Consulta la nostra pagina Privacy & Cookie Policy per ulteriori dettagli e visualizzare la lista dei fornitori pubblicitari o puoi accettare premendo sul pulsante Accetta.

Imposta quali cookie vuoi consentire o bloccare

Visitando questo sito web, potrebbero venire memorizzati o recuperate delle informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookie. Queste informazioni potrebbero riguardare te, le tue preferenze o il dispositivo con cui hai avuto accesso e vengono utilizzate principalmente per far funzionare il sito nella maniera corretta. Le informazioni rilevate attraverso i cookie non sono in grado di identificarti direttamente, ma servono per offrirti un'esperienza web più adatta al tuo profilo utente. Poiché rispettiamo il tuo diritto alla privacy, puoi scegliere dal pannello che troverai di seguito di non consentire alcuni tipi di cookie o solo alcuni di essi. Usa l'interruttore di fianco a ogni categoria di cookie per gestire le tue preferenze, usa però questa funzione con molta attenzione, infatti, tieni presente che il blocco di alcuni tipi di cookie potrebbe influire negativamente sulla tua esperienza sul sito e sui servizi che siamo in grado di offrire. Se vuoi che il sito in questione possa offrirti il massimo per quanto riguarda i suoi contenuti, dovresti accettare tutti i cookie, diversamente l'esperienza utente potrebbe peggiorare. Nel caso dovessi ripensarci, nel caso avessi impostato male la tua decisione su quali cookie rifiutare su questo sito, in qualsiasi momento potrai cambiare la tua scelta premendo sul link "Reset Cookie" che trovi a fondo pagina. La durata dei cookie è di 365 giorni a partire dal momento in cui vengono accettati dall'utente.

Di seguito puoi scegliere quale tipo di cookie consentire o rifiutare su questo sito web e una volta fatta la tua scelta, clicca sul pulsante "Salva le impostazioni sui cookie" per rendere effettiva la tua decisione.

FunzionaliIl nostro sito web utilizza cookie funzionali. Questi cookie sono necessari per far funzionare il nostro sito web.

AnaliticiIl nostro sito Web utilizza cookie analitici per consentire di analizzare il nostro sito Web e ottimizzarlo allo scopo di migliorarne l'usabilità. Le visite tracciate sono anonime.

Social MediaIl nostro sito Web inserisce cookie di social media per mostrarti contenuti di terze parti come YouTube e FaceBook. Questi cookie possono tracciare i tuoi dati personali.

Ads PersonalizzatiIl nostro sito web inserisce cookie pubblicitari per mostrarti pubblicità di terze parti in base ai tuoi interessi. Questi cookie possono tracciare i tuoi dati personali.

AltroIl nostro sito web inserisce cookie di terze parti da altri servizi di terze parti che non sono analitici, social media o pubblicitari.